Please activate JavaScript!
Please install Adobe Flash Player, click here for download

Bundeskanzlei

11 Poco prima delle 9.00 arrivano i membri del Consiglio federale, accompagnati dai rispettivi uscieri e (da alcuni anni) usciere, che sono incaricati di preparar loro la do­ cumentazione. Dall’amichevole «tu» si passa al «Lei» 09:00 Dopo qualche scambio informale di battute, il tono della conversazione muta e dal «tu» si passa al «Lei». La seduta ha inizio. Il fatto che i membri del Col­ legio governativo si rivolgano l’un l’altro chiamandosi con il loro titolo (Signora consigliera federale o Signor consigliere federale) è un modo per segnalare che even­ tuali divergenze di opinione non devono essere consi­ derate degli attacchi personali, ma si spiegano alla luce della funzione esercitata. La disposizione dei posti e lo svolgimento delle sedute sottostanno a regole ben precise. Per ogni affare, si espri­ me per primo il presidente della Confederazione. Dopo di lui prende la parola il capo del Dipartimento com­ petente, seguito dal vicepresidente e dagli altri membri del Governo. Il diritto di parola è attribuito in funzione dell’anzianità: hanno la precedenza i membri in carica da più anni. Anche la cancelliera della Confederazione può chiedere la parola. Ogni membro del Consiglio fe­ derale si esprime nella propria lingua materna. Nel corso di questa seduta, la cancelliera della Confe­ derazione prenderà la parola: si tratta infatti di stabilire quali oggetti sottoporre al Popolo e ai Cantoni in oc­ casione delle prossime votazioni federali; due iniziative popolari sono pronte per essere sottoposte al giudizio delle urne. Nel settore dei diritti popolari è la Cancel­ leria federale che conduce i lavori. All’inizio della seduta ci si concentra su alcuni dossier di particolare rilevanza politica. La discussione verte sul­ le divergenze che non si è riusciti ad appianare in sede di procedura di corapporto: l’obiettivo è di pervenire a una decisione che sia largamente condivisa dal Collegio governativo. Diritti popolari La Cancelleria federale si occupa della preparazione e dell’organizzazione di tutte le votazioni popolari federali, fornisce le informazioni necessarie e al termine di ogni votazione procede all’accertamento del risultato corretto. In caso di ricorso, può essere talvolta chiamata a elaborare un parere all’indirizzo del Tribunale federale. La Cancelleria esamina tutte le disposizioni d’esecuzione cantonali e le relative approvazioni. Essa cerca di evitare che, malgrado le varie regolamentazioni in vigore, una persona dopo aver cambiato il proprio domicilio abbia la possibilità di votare due volte, o che addirittura non possa vota- re del tutto. Un altro importante compito è costituito dall’organizzazione delle elezioni del Consiglio nazionale. Votazioni federali Diritti politici Temi www.bk.admin.ch

Pages